Condannato Antonio Colonna, “difensore” di animali

Il tribunale penale di Pavia ha condannato ad un anno e sei mesi Antonio Colonna (nella foto con On. Michela Vittoria Brambilla), soggetto frequentemente citato insieme all’on. Paolo Bernini, che ricordiamo come parlamentare M5S che organizzò la presentazione del farmaco generico veterinario con la Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari (FNOVI).

Antonio Colonna al tempo della causa penale si qualificava come esponente dell’Oipa in Piemonte, per poi passare a collaboratore dell’on. Michela Vittoria Brambilla.
Frequentemente citato da giornali e “Striscia” come difensore degli animali, si sarebbe spacciato per guardia venatoria in un esercizio commerciale. Probabilmente provocò una triste fine per i volatili allevati, che furono lasciati alla loro sorte nelle campagne circostanti.
In sede giudiziaria si capovolsero le posizioni: i titolari della struttura, accusati di maltrattamento, sono stati assolti con formula piena perchè il reato non sussiste, mentre le finte guardie -Antonio Colonna e Maurizio Faccio- sono state condannate.

SIVeLP aveva ripreso già a ottobre 2016 alcune iniziative del soggetto che varrebbe la pena rivedere (in particolare quanto denunciato da una delle collaboratrici) per mettere in guardia la categoria (vedi le ultime righe di “ACCUSE AL PARLAMENTARE…”).
Anche altre sarebbero le denuncie sollevate all’opinione pubblica (leggi).
Il sito ufficiale dell’FBI americana evidenzia i reati animalisti tra i più pericolosi in assoluto; forse l’Italia dovrà aprire gli occhi.


Scrivi un commento