“Alle mie rimostranze sul fatto che (i veterinari n.d.a.) sono dei laureati ed abilitati alla professione alla stessa stregua degli “anestesisti”, ovvero dei suoi colleghi, il Prof. Vincenti ha detto che non li considera tali, ed ha fatto un esempio incredibile “l’avvocato non chiama il ferroviere collega”…!