Proroga per le comunicazioni liquidazione IVA primo trimestre 2017

A pochi giorni dalla scadenza, è arrivata la proroga per l’invio delle comunicazioni delle liquidazioni Iva effettuate (art. 21-bis, D.L. n. 78/2010) per il primo trimestre, adempimento introdotto dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017 (art. 4, D.L. n.193/2016).

La Presidenza del Consiglio ha firmato un decreto che proroga di 12 giorni (dal 31 maggio al 12 giugno) il termine per inviare il Modello IVP17 all’Agenzia delle Entrate.

Il nuovo termine che sarà reso ufficiale con la pubblicazione del decreto, è stato concesso per rispondere alle generali esigenze manifestate da aziende e professionisti che avevano evidenziato l’incertezza normativa, i ritardi nel rilascio del software, il malfunzionamento del nuovo canale telematico.
Il modello Iva trimestrale dovrà essere trasmesso, appunto attraverso la nuova interfaccia web del servizio “Fatture e Corrispettivi”, un canale del tutto differente e molto più macchinoso rispetto quello solitamente utilizzato per inviare i dichiarativi (Entratel).
Il file generato dal software, che ha un’estensione in formato xml, dovrà essere:

 

  • Controllato con il software messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate (con Desktop telematico oppure con il controllo on line sul sito Fatture e corrispettivi)
  • Ai file contenenti le comunicazioni va apposta una qualsiasi firma qualificata (firma digitale) o, in alternativa, la firma elettronica basata sui certificati rilasciati dall’Agenzia delle Entrate (di seguito, anche “firma Entrate”). Pertanto le alternative sono: firma rilasciato da un ente autorizzato, oppure funzione di firma presente su Desktop telematico o ancora funzione sigilla presente sul sito on line Fatture e corrispettivi.

Dottor Francesco Pinni – Commercialista SIVeLP


Scrivi un commento