L’OBBLIGO DI SCELTA ASSICURATIVA DEI NEO ISCRITTI ALL’ALBO PROFESSIONALE

Dicono i Giudici: “non è invece conforme al sistema normativo, ed è quindi illegittimo, addossare al singolo iscritto l’onere economico di una polizza assicurativa stipulata dall’Ordine o dalla Federazione, alla quale egli non abbia aderito espressamente o tacitamente, nei termini anzidetti.”

Si tratta di una presa di posizione del TAR del Piemonte in relazione all’assicurazione RC professionale offerta dalla Federazione degli Ordini (in quel caso infermieri).

E qui potremmo sollevare un quesito  anche per la nostra Categoria. Infatti la Federazione degli Ordini stipula una polizza e percepisce da ciascun neo-iscritto, attraverso il proprio ordine provinciale, circa 50 euro.

Quindi la Federazione procura (secondo i Giudici, impone)  a ciascun neo-iscritto la propria polizza, che può essere vista come un costo per il singolo neo-laureato o per tutti gli iscritti ma senza dargli alcuna possibilità di scelta, nemmeno con una valutazione delle garanzie e del costo imposto: insomma, una scelta calata dall’alto.

Se dunque un neo laureato non può scegliere, potrebbe trattarsi di un problema in cui vengono coinvolti i Colleghi eletti negli Ordini Provinciali, di fatto impossibilitati a scegliere.

Questa sentenza, a ben vedere,  è un argomento delicato e importante per i giovani, tenuti in ogni caso alla quota associativa FNOVI, ma persino per tutti i veterinari, cui spetta il compito di sostenere il sistema.

Angelo Troi – Segretario SIVeLP


6 thoughts on “L’OBBLIGO DI SCELTA ASSICURATIVA DEI NEO ISCRITTI ALL’ALBO PROFESSIONALE

  1. COMOGLIO SERGIO

    - Edit

    Rispondi

    Il punto Alberto non credo sia se il singolo neo-iscritto possa o meno rifiutare la polizza offerta gratuitamente da FNOVI, ma se sia legittimo da parte della Federazione far pagare a tutti gli altri (attraverso nostra quota di iscrizione all’Ordine di appartenenza destinata OBBLIGATORIAMENTE alla FNOVI, le polizze dei neo-iscritti.

  2. Alberto schianchi

    - Edit

    Rispondi

    Un biglietto di ben venuto. Un omaggio sulle casistiche che solo chi ha esperienza ha potuto costruire in una polizza.
    Immagino che si tratti di una delibera di Assemblea e quindi legittima.

  3. Alberto Schianchi

    - Edit

    Rispondi

    Interpretazione di una sentenza indecifrabile e incomprensibile
    Anche il Sindacato faccia ricorso al TAR così apprezzeremo l’ironia anche noi iscritti

Scrivi un commento