Farmaco Veterinario – Farmaci identici ma meno costosi

La parlamentare uscente Alessandra Mussolini candidata con Forza Italia alle Europee 2019 per il collegio Centro e Sud appoggia le richieste del SIVeLP per l’utilizzo del farmaco secondo scienza e coscienza

Il SiVeLP rivendica il diritto di prescrivere farmaci identici per principio attivo ma meno costosi, la stessa molecola se a uso veterinario può arrivare a costare molte volte di più della stessa a uso umano e si impegna a rendere le terapie per gli animali accessibili a tutti.

Il medico veterinario deve poter scegliere in scienza e coscienza il farmaco più adatto e dì poter prescrivere al suo paziente le terapie più innovative, senza obbligo utilizzare le specialità veterinarie.

Ad oggi il medico veterinario non può scegliere: il D.Lgs. 193/2006 gli impone di prescrivere sempre il farmaco veterinario, “se non in via eccezionale”.

La libertà di ricettare secondo scienza e coscienza darebbe sollievo alle tasche dei proprietari di animali e a quelle di tutti i contribuenti. Lo Stato infatti è proprietario degli animali randagi, di quelli detenuti nei canili e gattili curati dalle Aziende Sanitarie Veterinarie.


Scrivi un commento