Si chiama VETEV ed è un software di gestione anagrafica degli animali domestici che il Sindacato dei Veterinari Liberi Professionisti mette a disposizione di tutti i Veterinari.

Si accende un’animata discussione durante la puntata di Pomeriggio 5 del 12 aprile u.s., in onda su Canale 5, tra il Segretario del SIVeLP, dott. Angelo Troi e Rita Dalla Chiesa, ospiti della trasmissione nell’ambito di un dibattito sul tema del randagismo.

LA RICERCA E GLI ANIMALI

In merito all’attuale contesa tra coloro che hanno preso d’assedio la sede di Greenhill a Montichiari e la struttura, accusata di allevare cani beagle allo scopo di rivenderli alle aziende che praticano la sperimentazione, il SIVeLP, Sindacato Italiano Veterinari Liberi Professionisti, non ha intenzione di schierarsi in questo confronto con ulteriori e più o meno condivisibili prese di posizione. Ma vorrebbe invitare a una riflessione che nasce da un approfondimento scientifico e dall’esposizione di una realtà oggettiva, monitorata da professionisti della medicina veterinaria.

COMUNICATO STAMPA:Il randagismo si profila come un serio problema in Italia, come lo dimostrano i recenti terribili fatti di cronaca.

COMUNICATO STAMPA
A tutti gli organi di stampa con preghiera di pubblicazione

IL PROBLEMA DELLA RABBIA – OBBLIGO DI VACCINO

Il SIVeLP (Sindacato Italiano Veterinari Liberi Professionisti) ha pubblicato sul sito www.sivelp.it l’Ordinanza Ministeriale, apparsa sulla Gazzetta Ufficiale il 12 marzo u.s., che disciplina la prevenzione della rabbia.

COMUNICATO STAMPA
A tutti gli organi di stampa con preghiera di pubblicazione

Il SIVeLP chiede un soccorso professionale per gli animali vittime di incidenti

L’ambulanza veterinaria deve essere data in dotazione esclusivamente ai medici veterinari. È questa la richiesta del SIVeLP, il Sindacato Veterinari Liberi Professionisti.

COMUNICATO STAMPA
A tutti gli organi di stampa con preghiera di pubblicazione

ALMALAUREA e i dati sugli sbocchi occupazionali per i neo laureati. E i Veterinari?

Fino a qualche anno fa la laurea in veterinaria sembrava garantire uno sbocco quasi certo nel mondo del lavoro.

Se si guardano i dati degli anni Settanta, il 90% dei Medici Veterinari aveva la possibilità di essere impiegato nelle strutture sanitarie pubbliche, potendo svolgere anche la libera professione. Allo stato attuale solo il 20% dei Medici Veterinari è dipendente nelle Unità Sanitarie Regionali e Locali, ed esiste un buon 80% di Liberi Professionisti, rappresentato in buona parte dal SIVeLP, il Sindacato Veterinari Liberi Professionisti, con redditi che si attestano in media intorno ai 15000 euro l’anno, con addirittura meno di 1000 euro al mese per i professionisti under 40.